Blog Archives

Mi hanno chiamato Nonno Ultimo perché sono ultimo tra gli ultimi, un fantasma che cammina. Una creatura che respira, ma di cui nessuno ricorda l’esistenza!

Sono stato accalappiato e finito in canile nel lontano 2003, avevo solo due anni.

Da allora passo la vita a fissare un quadrato di cemento, dalle pareti vuote, spoglie dove l’unico arredamento sono creature maledette come me e un secchio di cibo e di acqua!

Ho passato 13 anni a fissare un muro.

Poi gli occhi di una volontaria si sono posati su di me: ha visto un cane brutto, vecchio, malandato.

E ha sentito una profonda vergogna per la sua specie, e pietà di me. In 13 anni nessuno ha mai avuto pietà di me. Non esiste nei luoghi dove veniamo confinati e nascosti agli occhi del mondo intero!

(altro…)

|

Fante_cover

John Fante, A ovest di Roma, Einaudi

A ovest di Roma è composto da due racconti, ma consigliamo soprattutto il primo: Il mio cane stupido.

 

 

(altro…)

|

 

austerPaul Auster, Timbuctù, Einaudi

Il protagonista Willy è un poeta giramondo che viaggia sulle strade americane insieme a Mr Bones, il suo cane dalla spiccata intelligenza. Sfortunatamente le loro strade si dividono, o meglio quella di Willy si interrompe, e Mr Bones deve imparare a cavarsela da solo.
(altro…)

|

Woolf_Flush_CoverVirginia Woolf, Flush – Una biografia, trad. Chiara Valerio, Nottetempo 2012

La copertina è bruttissima, ma il libro è un piccolo capolavoro della letteratura vittoriana che racconta l’intreccio di due vite: quella del cocker spaniel Flush e della sua padrona, la poetessa inglese Elizabeth Barrett.

(altro…)

|